AFRO FASHION WEEK MILAN – en/ita

-Italian version down below/ versione italiana in basso-

On the 23rd of September, I participated in the Afro Fashion Week of Milan for a meet and greet they prepared for me and other Italian bloggers. It was a really beautiful experience that taught me a lot about African Fashion, not only I got the opportunity to meet some of you and many great influencers!

I had a talk with the pretty Michelle Njilla, the creator of the event, about this awesome idea and thought I should share it with all of you:

Catturaz

HOW DID YOU GET THIS IDEA?

<< Fashion is a communication tool that reflects the evolution of the society in which we live, and through my education and some work experience in the field of media, I came up with the idea of founding the Afro Fashion Association and other events: African Fashion Week Milan, AfroPop Up Shop Milan, conventions, exhibitions etc. 

So two years ago, I decided to put together a team of people with different backgrounds and origins to move the project forward African Fashion Week in Milan. With Ruth Akutu Maccarthy, current Vice President of the Association and with all other members of the team, we have decided to exploit Africa presenting it no longer as poor and in need, but as the other continent. The source of ideas from which more and more creative draw inspiration especially in fashion. The project itself is intended to provide more opportunities emerging designers by allowing them to become actors and no longer mere spectators in the fashion industry.

Our aims to be a campaign, similar to #TheAfricaTheMediaNeverShowsyou, but social media but not made by organizing concrete events in the cradle of fashion.>>

HOW WAS THE RESULT?

<<African Fashion, like all beginnings, are difficult projects!There are ups and downs, there are curiosity and interest.Let’s say that the project is welcomed by some as a trend, one nice thing, ethnic, and accordingly so a little superficial etc.. and by others as a sign of melting pot finally also in Italy.

Designers rightly are quite excited, every day we grow more and more, and we’re planning to start doing two editions per year, as this year we received many inscriptions and had to select who introduced.

The days were laid out differently by targeting different target too. First we decided to organize it in three locations in collaboration with the Catholic University Sacro Cup represent the academic part of fashion; in collaboration with Contemporary mood Via Tortona to do parades addressed reporters, buyers and to bloggers and finally in collaboration with Couleurs du monde at the Cascina Embattled, to organize a show presenting the afro style African excellence the territory and discover a lifestyle fashion show just to African.

The response was above expectations; I think the public is ready to accept new realities; that African Italians have felt represented and valued.>>

WHAT IS IN YOUR OPINION THE POTENTIAL OF AFRICAN COUNTRIES WHEN IT COMES TO FASHION?

<<Firstly the Mother continent is the inspiration of the most famous designers and all over the world. I believe it is time for African designers to reclaim and embrace their creativity and originality.>>

DO YOU THINK AFRO FASHION CAN HAVE A MARKET IN THE WEST?

<<Finding a solid market in the West if it addresses the speech general and superficial, but if you want to go into details, unfortunately, we should tackle all the production per hour is not enough developed for now and it is very sad This reality because despite 37 out of 54 countries are producers of cotton, tissues are worked out and then imported.>>

WHAT ARE THE AFRICAN COUNTRIES THAT CONCUR IN FASHION RIGHT NOW?

<<Nigeria, Ghana, South Africa, Ethiopia, and Senegal during their Fashion week are designers like Mimi Plange, Laduma, dressing stars like Michelle Obama, Beyonce and others.

Ghana, Nigeria, and South Africa are countries currently on the continent are experiencing exponential growth on both the economic and social and the phenomenon not being able that impact positively also in fashion.

The Nigerians already spend about $250 a year in luxury products. Although the class of super-rich Africans still represents a small slice of the market, is the one that is growing faster than in any other continent, becoming increasingly attractive for luxury brands.

Another notable case is the expansion of the textile industry in Ethiopia. More and more foreign companies, particularly Asian, are attracted by the enormous wealth of raw materials and cheap labour that this country has to offer, why would relocate their production facilities; Obviously this case specifically concerns productions of poor quality and low cost.>>

ARE THERE MORE AFRICAN MEN OR WOMEN ENGAGING INTO FASHION?

<<Let’s say for now men and women vie for the top spot. If before we were in most cases women to engage in fashion nowadays, there are many men who have launched and Excel in this area.>>

WHICH AFRICAN FASHION DESIGNERS TOOK PART IN THIS PROJECT?

<< I would like to point out that the designers who participated in the African fashion Week Milan were not exclusively African. We open the event to all the designers who are inspired by Africa to create their collections.

– Martha Ccolque (Peru)

– Airin Tribal (Kenya)

– Modaf Designs (Nigeria)

– DTB (Bologna)

– Chibeka (Togo)

– Flixybry Culture (Nigeria)

– Ackson Wear (Brazil)

This edition of the African fashion week Milano was realized in Milan and organized in collaboration with Contemporary Mood, Afroitaliansouls, Anapenda, Napppytalia, African FashionWear, Couleurs du Monde, a Catholic University and with the participation of influencers such: Loretta Grace, Djoko Defustel, Tommy Kuti, Naturangi, Miss Human Root, Aya @Milanpyramid, Tia Taylor, Bellamy Okot, Macyfancy.>>

 

-versione italiana-

Il 23 Settembre sono stata invitata a partecipare alla Afro Fashion Week di Milano per un meet and greet organizzato per me e altri blogger italiani. E’ stata un’esperienz fantastica! Mi ha insegnato un sacco sul Afro Fashion ed ho avuto l’opportunità di conoscere molti influencers.

Sono anche riuscita ad avere una chiaccherata con Michelle Njilla, organizzatrice di questo evento, di questa idea meravigliosa. Così ho pensato di condividerla con voi:

COM’È’ NATA QUESTA IDEA?

<<La moda è uno strumento di comunicazione che riflette l’evoluzione della società nella quale viviamo, e attraverso il mio percorso formativo e alcune esperienze lavorative nel campo dei media, mi è venuta l’idea di fondare l’associazione Afro Fashion in modo tale che attraverso i nostri eventi: Afro Fashion Week Milano, Afro Pop Up Shop Milan, convegni, mostre fotografiche ecc., riuscissimo a presentare alla società in cui viviamo, una realtà raccontata finora in modo diverso.  

Cosi due anni fa, ho deciso di mettere insieme un team di persone con background ed origini variegate per portare avanti il progetto Afro Fashion Week Milano. Con Ruth Akutu Maccarthy, attuale vice presidente dell’associazione e con tutti gli altri membri del team, abbiamo deciso di valorizzare l’Africa presentandola non più come povera e bisognosa, ma bensì come il continente Madre, fucina di idee da cui sempre più creativi traggono ispirazione soprattutto nell’ambito della moda. Il progetto in sé è finalizzato ad offrire maggiori opportunità ai designers emergenti permettendo loro di diventare attori e non più semplici spettatori nell’industria della moda.

La nostra vuole essere una campagna, simile a ##TheAfricaTheMediaNeverShowsyou, fatta però non sui social media ma attraverso l’organizzazione di eventi concreti nella culla per eccellenza della moda.>>

COME E’ STATO IL RISULTATO?

<<Afro Fashion, come tutti i progetti gli inizi sono difficili! Ci sono alti e bassi, c’è curiosità e interesse. Diciamo che il progetto è accolto da alcuni come una tendenza, una cosa bella, etnica, e di conseguenza in modo un pochino superficiale ecc.. e da altri come un segno di melting pot finalmente anche in Italia.

Gli stilisti giustamente sono abbastanza entusiasti, ogni giorno cresciamo sempre di più, e stiamo pensando addirittura di iniziare a fare due edizioni all’anno, visto che quest’anno abbiamo ricevuto tantissime iscrizioni e abbiamo dovuto selezionare chi presentare.

Le giornate sono state strutturate in modo diverso mirando anche target diversi. Innanzitutto abbiamo deciso di organizzarla in tre location in collaborazione con l’università Cattolica Sacro Cuore per presentare la parte accademica della moda; in collaborazione con Coontemporarymood in Via Tortona per fare sfilate indirizzate ai giornalisti, ai buyers e ai blogger e infine in collaborazione con Couleurs du monde presso la Cascina Merlata, per organizzare uno show in stile afro presentando al pubblico le eccellenze afro sul territorio e facendo scoprire uno stile di sfilata proprio agli afro.>> 

QUALE’ SECONDO TE IL POTENZIALE DEL FASHION AFRO?

<<Innanzi tutto il continente Madre è la fonte di ispirazione della maggior parte degli stilisti famosi e non in tutto il mondo e credo sia giunto il momento per gli stilisti afro di riappropriarsi e abbracciare la loro creatività e la loro originalità.>>

L’AFRO FASHION PUO’ TROVARE MERCATO IN OCCIDENTE?

<<Troverebbero un mercato solido in Occidente SI se si affronta il discorso in modo generale  e superficiale,  ma se si vuole entrare nei dettagli purtroppo bisognerebbe affrontare tutta la parte produzione che per ora non è abbastanza sviluppata per ora ed è molto triste questa realtà perché nonostante 37 su 54 Paesi siano produttori di cotone, i tessuti vengono lavorati fuori e poi importati.>>

QUALI SONO I PAESI AFRICANI IN CUI C’E’ PIU’ FERVORE IN AMBITO DELLA MODA E DEL DESIGN?

<<La Nigeria, il Ghana, il Sud Africa, l’Etiopia e il Senegal, durante le loro Fashion week presentano stilisti del calibro di Mimi Plange, Laduma, che vestono personaggi come Michelle Obama, Beyonce e altri.

Il Ghana, la Nigeria e il Sudafrica sono paesi che attualmente nel continente stanno conoscendo una maggiore crescita esponenziale sia sul piano economico che su quello sociale e tale fenomeno non che può che ripercuotersi positivamente anche nell’ambito della moda.

I nigeriani già spendono circa 250$ all’anno in prodotti di lusso. Sebbene la classe dei super-ricchi africani rappresenti ancora una piccola fetta di mercato, è quella che sta crescendo più rapidamente che in ogni altro continente, divenendo sempre più appetibile per i marchi del lusso.

Altro caso degno di nota invece riguarda l’espansione dell’industria tessile in Etiopia. Sempre più aziende straniere, soprattutto asiatiche, sono attratte dall’enorme ricchezza di materie prime e di manodopera a basso costo che questo paese è in grado di offrire, ragion per cui vi delocalizzano i loro impianti di produzione; ovviamente questo caso specifico riguarda produzioni di bassa qualità e basso costo.>>

PENSI CHE SIANO PIU’ UOMINI O DONNE A DEDICARSI ALLA MODA?

<<Diciamo che per ora uomini e donne si contendono il primo posto. Se prima erano nella maggior parte dei casi le donne a dedicarsi al fashion oggigiorno numerosi sono gli uomini che si sono lanciati ed eccellono in questo ambito.>>

QUALI STILISTI AFRO ERANO PRESENTI ALLA FASHION WEEK?

<<Vorrei precisare che gli stilisti che parteciperanno alla Afro fashion Week Milano non sono stati esclusivamente africani. Noi apriamo l’evento a tutti gli stilisti che si ispirano all’Africa per creare le loro collezioni.

-Martha Ccolque (perù)

-Airin Tribal (Kenya)

-Modaf Designs (Nigeria)

-DTB (Bologna)

-Chibeka (Togo)

-Flixybry Culture (Nigeria)

-Ackson Wear (Brasile)

Questa edizione della afro fashion week Milano è realizzata con il patrocinio del Comune di Milano ed organizzata in collaborazione con CoontemporaryMood, African fashion Wear, Napppytalia, Afroitaliansouls, Anapenda, Couleurs du Monde, l’università Cattolica e con la partecipazione degli influencers tali: Loretta Grace,Defustel Djoko, Tommy Kuti, Naturangi, Miss Human Root, Aya @Milanpyramid, Tia Taylor, Bellamy Okot, Macyfancy.>>

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s